La Pace è un Dovere Umano – Pflichtenstaat – Riflessione sul mondo e su noi.

In questi giorni sono accadute molte cose in Italia e nel mondo. Molte riguardano l’odio e l’ingiustizia. I due, si sa (e se non lo sapete, sappiatelo), sono legati. Ho visto i suprematisti bianchi marciare in america, ho visto gli attentati in Catalogna e Finlandia, ho visto i rifugiati eritrei cacciati dallo stabile che avevano occupato, senza però dare loro una soluzione valida. Tante cose ho visto sui giornali.

E’ inutile riportarle tutte. Il tenore di ciò che accade nel mondo, il suo stato di salute, è questo. O anche questo. Perché sì, in realtà, nonostante accadano tutte queste cose, credo che il nostro tempo sia quello più pacifico e sicuro. Vi sono eventi positivi, nonostante la perfezione sia ben lontana dall’essere raggiunta… e, d’altra parte, non esiste.

Allora che parli a fare? Sì, me lo si potrebbe chiedere… Ed io risponderei che sono preoccupato. L’umore generale delle persone mi sembra peggiori giorno dopo giorno. Forse perché i social network, così diffusi, ci privano delle nostre pie illusioni e siamo costretti a vedere e a renderci conto anche di ciò che non vogliamo.

E’ un continuo confronto. E non so se siamo pronti a questo. Il mondo è infinitamente più grande di noi. E se internet permette a due persone agli antipodi del pianeta e agli antipodi del pensiero di confrontarsi… forse dovremmo dimostrare di essere infinitamente grandi anche noi, per meritarci questa possibiltà. Infinitamente meritevoli.

Insomma, noto la diffusa non volontà di comprendere l’altro. La diffusa volontà di predominio. Sia chiaro che io non sono un santo in questo, a volte qualcuno l’ho mandato affanculo volentieri. Ma in questa specie di tennis da tavolo, dove tutti non fanno altro che incolpare qualcun’altro – tranne se stessi – delle tragedie che avvengono, io – giocatore come gli altri – non posso fare a meno di chiedermi dove sia l’umanità… e – forse – cosa essa sia. Vedo troppa gente disposta a fare di tutta l’erba un fascio. Troppa gente compiaciuta della propria mancanza di empatia. Troppa gente che si applica ad offendere quanto meglio può, quando dovrebbe fare proprio il contrario.

Allora io voglio dire solo una cosa. Allargate il quadro! Abitiamo il pianeta, siamo terrestri, tutti. Dobbiamo essere buoni. Non fessi. Ma buoni. Si può. Si deve. Lo dobbiamo a noi stessi, perché quando siamo di fronte ad una persona, una qualunque altra persona, allora noi esistiamo e abbiamo il metro per stabilire CHI siamo. Chiunque sia di fronte a noi, potremmo essere noi. E tu? Come vorresti essere trattato?

Gli illuministi tedeschi parlavano di Pflichtenstaat, lo stato basato sui doveri, non sui diritti. E forse dovremmo tornare a vederla così la vita. Da sostenitore dei diritti umani, penso che dovremmo concentrarci sui DOVERI UMANI: quei doveri ai quali ognuno di noi deve adempiere, per far sì che gli altri godano dei propri diritti.

Questo è l’unico modo buono di organizzare una società. Non siate mai orgogliosi di essere cattivi. Mettetevi in discussione. Ripeto, tra tutti gli stimoli e le frustrazioni che abbiamo, ricordiamoci di essere buoni.

– Giuseppe Circiello –

Annunci