Ecco ancora una finestra – Marina Cvetaeva – Poesia

Ecco ancora una finestra, 
dove ancora non dormono.
Forse – bevono vino,
forse – siedono così.
O semplicemente – le due
mani non staccano.
In ogni casa, amico,
c’è una finestra così.

Non candele o lampade hanno acceso il buio:
ma gli occhi insonni! 

Grido di distacchi e d’incontri:
tu, finestra nella notte!
Forse, centinaia di candele, 
forse, tre candele…
Non c’è, non c’è per la mia
mente quiete.
Anche nella mia casa
è entrata una cosa come questa.

Prega, amico, per la casa insonne,
per la finestra con la luce.

– Marina Cvetaeva –

Annunci